I figli e le scelte con intenti d’amore

mamma e figlia che si abbracciano

Ti sei mai trovato nell’incertezza su quale consiglio dare ai tuoi figli?

 

Lunedì.


Che come per tutti significa ripresa del lavoro, fine del week end.


Per me significa anche treno e qualche ora di viaggio.


Mi cade l’occhio sullo sfondo del mio cellulare che riporta la nostra frase del mese:

“Fai scelte con intenti d’amore e non di paura”

E tra le mille cose che mi frullano in mente (e chi mi conosce lo sa che me ne girano sempre tante!), una salta subito in primo piano: mia figlia “più grande”.


Nei prossimi mesi dovrà scegliere come continuare il suo percorso di studi. Farà la sua prima scelta “importante”. Dovrà scegliere la scuola superiore.



Facile rispondere con un intento di amore? Facile lasciare da parte la paura?

 

Ho pensato che fosse una banalità all’inizio, forse effettivamente per “noi grandi” con oltre vent’anni di vita vissuta in più di loro, sarebbe veramente una banalità scegliere l’indirizzo di studi ora, con la consapevolezza acquisita negli anni, le esperienze fatte e batoste ricevute dalla vita.


Ma per lei? 


Tredici anni, una vita da costruire, ma soprattutto una vita da “scoprire”. 


I ragazzi a quell’età devono ancora individuare i loro doni, le motivazioni per cui verranno spinti “da dentro” a fare e ad impegnarsi. Quindi una scelta tutt’altro che banale.


Presa dalle mille cose della vita quotidiana di tutti, mi sono resa conto di averle dato risposte superficiali le volte in cui abbiamo affrontato l’argomento, ma soprattutto mosse dalla paura.


Mentre le rispondevo dentro di me c’era una paura sottostante che invadeva i miei pensieri: paura che faccia una scelta sbagliata, paura che si ritrovi in un corso di studi che non rispecchia la sua volontà più profonda o le sue doti… insomma paura che qualcosa non vada per il verso giusto.


E le ho risposto in un modo che mi ero ripromessa di non fare mai (Facile la teoria vero? La pratica della vita un po’ meno!). Le ho detto: “no quel corso di studi no che non ti rispecchia”, “lì cosa ci vai a fare”, “con quel corso li poi cosa fai”.

Le ho tolto libertà, anziché sostenerla.



E tornando indietro nella mia vita?

E sono tornata indietro. Ai miei vent’anni. 


Quando dovevo scegliere l’università.


Quante volte ripensandoci non mi sono sentita sostenuta in quella scelta. Ho vissuto risposte piene di paura dalle persone che amavo. Loro mi amavano e mi amano tutt’ora ma avevano paura di lasciarmi andare, di perdermi, della distanza, del costo. 


Ed io, impreparata a rispondere con amore verso me stessa, ho risposto con altrettanta paura: “paura di perdere l’amore delle persone che avevo accanto se avessi fatto una scelta diversa dalle loro aspettative”. Alla paura avevo risposto con paura e questo ha modificato indubbiamente le mie scelte, e forse la mia vita.



E quindi come potremmo rispondere alle domande dei nostri figli con un intento d’amore?

 

Guardiamo cosa è successo nel mio piccolo mondo.


Anziché ascoltare mia figlia in maniera accogliente, accogliere tutto, sia dubbi che incertezze, mettere amore nella risposta, sono partita da un intento di paura e questo certamente crea una energia non positiva.


Infatti rispondergli “No quel corso di studi no” crea una energia molto diversa dall’argomentare “Prova a rifletterci ancora un attimo tesoro, ma sappi che la mamma e il babbo ti sosterranno in qualsiasi scelta tu faccia. Il nostro amore per te non muta”.


Con questa consapevolezza nel cuore voglio ricordarmi che noi genitori non possiamo sapere quale è il verso giusto che deve avere la vita dei nostri figli. Come possiamo dire noi a priori che una scelta è sbagliata o giusta per loro? Anche se prenderà l’indirizzo di studi che non rispecchi i suoi doni e la sua volontà più profonda, sarà semplicemente una cosa che doveva affrontare, significa che dovrà sperimentare quella cosa lì nella sua vita: prendere una decisione sbagliata.


L’unica cosa che possiamo fare come genitori è di lasciare da parte la paura (di vederli soffrire, di vederli prendere scelte sbagliate o di vederli allontanarsi) e rispondere partendo dall’intenzione di amore: amore per ogni parte di loro, anche quella parte che può non rispecchiarsi con noi.



E tu quale risposta darai ai tuoi figli domani? Gli passerai amore o paura?

 

Ogni passo conta, la vita è un viaggio.

Anche per loro…

 – con amore valentina –

Dimenticavo!!! Puoi rimanere in contatto con me iscrivendoti alla newsletter o scaricando subito gratuitamente lo sfondo che ho creato per te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I miei SOCIAL

Completato 50%

RISORSE GRATUITE

Ti invierò le RISORSE GRATUITE di @lenergiadiesseredonna direttamente al tuo indirizzo email. Compila i campi richiesti, fai click sul pulsante e ricevi tutto sulla tua email.

Su questo sito utilizziamo strumenti di prima o terza parte che memorizzano piccoli file
(cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire
il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report
sull’utilizzo della navigazione (cookie di statistica) e per pubblicizzare
adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo
utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o
meno i cookie statistici e di profilazione
. Abilitando questi cookie, ci aiuti a
offrirti un’esperienza migliore